RITROVA LA TUA STRADA CON LA NUMEROLOGIA

Conoscere se stesso-vibrare in armonia con le leggi vibratorie universali- è vincere la battaglia della vita
_________________

Cosa è la Numerologia?

Nel leggere la parola « Numerologia » il lettore si farà quasi certamente queste prime domande: «Che cosa è la Numerologia?» « Chi l’ha scoperta? » « A che può essere utile, e come, nella nostra vita? ».

La Numerologia è la scienza moderna di un’antica dottrina fondata su l’interpretazione dei numeri, corrispondenti alle lettere del nostro nome e quindi rappresentanti le varie vibrazioni attive della nostra natura psichica. Per quanto si presenti come un’arte che tende a divenire scienza, (cosa che si può dire della medicina stessa) possiamo chiamarla senz’altro una scienza, perché è fondata su conoscenze ed esperienze che datano da secoli, ed è facile che, pari alla Psico-Analisi, venga riconosciuta quale ramo della Psicologia.

L'origine della Numerologia

L’origine della Numerologia, definita Aritmoscopia nella parte Esoterica, è attribuita al Maestro Pitagora, ma in realtà esiste fin dalla fondazione della Gerarchia Spirituale sul nostro pianeta, 18 milioni e mezzo di anni fa, di cui Pitagora faceva parte, ed oggi è noto con il nome di Maestro Koot Humi. Nell’antica civiltà di Atlantide conoscevano già il profondo significato dei Numeri e dopo la scomparsa di quella civiltà il segreto sui Numeri sopravvisse nell’antico Egitto e in altre zone del pianeta.

Conoscerci con la Numerologia

La Numerologia è diventata uno strumento per studiare il nostro stesso essere aiutandoci a portare alla luce il nostro più alto potenziale sul piano fisico, emotivo, mentale e spirituale. I numeri ci fanno chiarezza sul nostro scopo di vita, illuminandoci sui nostri nostri talenti naturali, aiutandoci a ottenere una migliore comprensione di noi stessi e degli altri. La Numerologia ci spiega il modo migliore per fare il nostro percorso di vita e per ottenere la nostra massima felicità e realizzazione personale, svelandoci il perché abbiamo certe caratteristiche e non altre.

La Carta Numerologica

La carta numerologica come “Mappa del tuo interiore” Per individuare il nostro Codice dell’Anima e trovare la sua chiave di letta. Occorre innanzitutto determinare i nostri numeri personali, deducendoli dai dati anagrafici. Chiameremo questa: Carta Numerologica , perché è proprio la configurazione di alcuni numeri chiave, che determina la parte  individuale, intesa come allineamento tra la nostra vera natura, e il Sé universale, il campo di tutte le possibilità. 

Trasformando i dati anagrafici (nome, cognome e data di nascita) in numeri, secondo la tecnica della Ghematria, otterremo 13 numeri fondamentali. Questi numeri definiscono le coordinate basilari della Mappa numerologica.

  1. Anima 
  2. Persona
  3. Io
  4. Destino
  5. Quintessenza
  6. Ombra principale 
  7. 1° Ciclo di vita 
  8. 2° Ciclo di vita 
  9. 3° Ciclo di vita 
  10. 4° Ciclo di vita 
  11. Anno personale 
  12. Mese personale 
  13. Giorno personale

Numero dell'anima

Il numero dell’Anima, si ricava dalla somma dei numeri corrispondenti alle vocali del nome e del cognome, ridotta successivamente a un’unica cifra. Questo numero descrive la missione dell’Anima e ci connette con le nostre aspirazioni più profonde. A questo numero è riconducibile la vocazione individuale, che corrisponde anche al nostro sogno più intimo, associato all’Essere, in relazione ai desideri del cuore.

Numero della Persona

Numero della Persona: Il numero della Persona si ricava dalla somma dei numeri corrispondenti alle consonanti del nome e del cognome, ridotta successivamente a un’unica cifra. Questo numero corrisponde alla “maschera sociale”; una sorta di ambasciatore dell’lo, che fa da filtro tra i sogni dell’Anima e le necessità pratiche della personalità egoica che vive nel mondo.

Numero del IO

Il numero dell’Io si ricava dalla somma dei numeri corrispondenti alle vocali e alle consonanti del nome e del cognome, ridotta successivamente a un’unica cifra. Se il numero dell’Anima, corrisponde alla vocazione individuale, il numero dell’lo, descrive il carattere, la tempra necessaria a concretizzare i nostri sogni. Questa cifra descrive anche il perno sul quale si fonda la nostra identità,in sinergia col numero dell’Anima

Numero del Destino

Numero del Destino: Il numero del Destino si ricava dalla somma dei numeri della data di nascita, ridotta successivamente a un’unica cifra. Questo numero, corrisponde a quello che gli orientali chiamano”Dharma”. Come una traiettoria ideale, il numero del Destino indica la strada da percorrere, per allinearci col progetto di vita. Solo essendo sul giusto sentiero, possiamo scorgere il panorama dell’Anima e muoverci nella sua direzione.

Numero della Quintaessenza

Il numero della Quintessenza si ricava sommando tra di loro i numeri dell’Io e del Destino, riducendo successivamente il ricavato a un’unica cifra. La Quintessenza è l’essenza delle quattro funzioni individuali (Anima, Persona, Io e Destino), integrate in un insieme armonioso. Come sinergia tra le vibrazioni del nome e della data di nascita, la Quintessenza rappresenta la missione di vita, e assieme al numero dell’Anima, definisce la nostra prospettiva interiore, che nella Mappa numerologica viene indicato come “Panorama dell’Anima”

I 4 Cicli di vita

Così come accade in natura, anche la vita umana è scandita da cicli. I cicli di vita sono quattro periodi governati da un particolare archetipo. Ogni ciclo rappresenta una specifica lezione su cui stiamo lavorando. 

  1. Il primo ciclo dura dalla nascita a un’età compresa tra 30 e 35 anni (la durata dipende dal numero del Destino)
  2. Il secondo ciclo dura nove anni e va circa dai 30 ai 40 anni. 
  3. Il terzo ciclo dura nove anni e si estende circa dai 40 ai 50 anni. 
  4. L’ultimo ciclo rimarrà attivo per il resto della vita e comincia circa dai 50 anni in poi.

I cicli sono fondamentali. Nel momento in cui si attiva l’archetipo corrispondente accadono eventi molto sentiti e la nostra vita si colora delle caratteristiche inerenti all’archetipo stesso. È importante sintonizzarsi con il numero che si è attivato in un determinato periodo, al fine di cogliere tutte le opportunità. Gli ultimi due anni di un ciclo possono essere avvertiti con  grande intensità e probabilmente dovrete prendere decisioni importanti che possono riguardare il matrimonio, il lavoro o la carriera oppure affrontare cambiamenti nel carattere, affrontando e lasciando andare schemi o problematiche del passato. Ogni ciclo può essere visto come una fase di apprendimento, una lezione di vita alla quale il nostro maestro interiore ci sottopone o meglio, opportunità ed esperienze che noi stessi abbiamo scelto ancor prima della nostra nascita, al fine di diventare esseri umani completi. Il primo ciclo è chiamato ciclo formativo ed è relativo alla costruzione della nostra personalità, in relazione all’Io. Il secondo e il terzo ciclo ci accompagnano nella fase di consolidamento del nostro Io nel sociale e l’ultimo ciclo ha lo scopo di allinearci con la vocazione dell’Anima.

Aiutaci a sostenere l'universita' della Natura

Anno Personale

LA QUALITA’ DEL TEMPO
Il tempo si manifesta in due aspetti essenziali: uno quantitativo, il chronos, e uno qualitativo, il kairós Come scrive Thorwald Dechlefsen nel suo libro Il destino come scelta, “La qualità del tempo non ha niente a che vedere con la durata, ma afferma che ogni punto del tempo, o sezione del tempo (può essere un’ora, un secondo o un decennio), possiede una determinata qualità, che consente che emergano solo quei fatti che sono adeguati a questa qualità Mentre il chrònos risponde alla necessità oggettiva di ottimizzare il tempo a disposizione, il kairós dipende dalla percezione soggettiva ed è influenzabile dal nostro atteggiamento, come pure dalle scelte che facciamo. Il kairós è in relazione a un archetipo attivato in un determinato momento e il termine “occasio” indica l’opportunità presente, per allinearsi con la volontà del cielo. Kairós celebra l’abilità decisionale dell’uomo consapevole, in grado di riscattarsi dalla trappola del tempo dell’orologio, diventando artefice del proprio destino. Conoscendo quale archetipo dell’anno in corso è attivato, potremo deliberatamente allinearci con la sua frequenza. Compiendo le azioni che sono in risonanza con l’essenza di un dato numero, saremo in grado di attrarre gli eventi sincronici, che permettono la realizzazione dei nostri desideri,
L’ANNO PERSONALE
Il numero personale dell’anno in corso identifica quale archetipo è attivato in questi 12 mesi. Nella numerologia ogni anno della nostra vita è parte di un modello di evoluzione che può essere descritto come un ciclo di nove anni. Questi cicli iniziano dalla nascita e si sviluppano progressivamente, attraverso le quattro fasi che abbiamo esposto nel capitolo precedente. Il ciclo inizia con un anno personale 1, procede con un anno personale 2 e così via per la durata complessiva dei 9 anni. Ogni anno ha un particolare significato evolutivo, che si distingue per le opportunità offerte e per le lezioni da trarre nel corso di tale periodo.

Anno 1 – Il seme cade nella terra fertile, nuove idee e progetti (i semi), vengono piantati tramite il potere dell’azione e della forza di volontà.

 

Anno 2 – Il seme è in una fase di incubazione dobbiamo avere pazienza e curare le relazioni.

 

Anno 3 – I primi germogli escono dalla terra finalmente, anche per noi è ora di uscire dal guscio e aprirci al mondo.

 

Anno 4 – La piantina mette radici e dobbiamo pianificare il nostro tempo, per fare ordine e consolidare i risultati.

 

Anno 5 – La pianta cresce molto rapidamente, avviene un grande cambiamento;  anche noi dobbiamo aprirci a nuove opportunità.

 

Anno 6 – È la fase della fioritura, ci sentiamo pronti per sbocciare a nostra volta e dovremo fare delle scelte che riguardano la casa, il lavoro e le relazioni.

 

Anno 7 – Il frutto cresce, ma è ancora acerbo il frutto è già visibile,  di conseguenza è una fase per ‘introspezione e la riflessione.

 

Anno 8 – Il frutto è maturo  e ciò che abbiamo seminato, ora è pronto per essere raccolto.

 

Anno 9 – Il ciclo ricomincia, il ciclo è completato, occorre preparare il terreno per la nuova semina, ma prima dobbiamo fare pulizia e tagliare i rami secchi.

 

Mese Personale

Il mese personale fornisce indicazioni per allinearsi con la vibrazione numerica del mese in corso e la sua interpretazione va considerata assieme a quella dell’anno personale. Il calcolo è molto semplice, basta sommare il numero dell’anno personale più quello del mese in corso, riducendo la somma ottenuta a una cifra da 1 a?.

Aiutaci a sostenere l'universita' della Natura

Giorno Personale

Ogni giornata è lo specchio di un’intera vita
Cosi come una goccia è un’ estensione dell’oceano, ogni singolo giorno è l’immagine di un’intera esistenza. Nell’aspettativa del nostro futuro, noi ripetiamo quotidianamente gli stessi gesti, mettiamo in atto le medesime strategie e ripetiamo sistematicamente gli identici errori. Il principio dell’eterno ritorno, si applica anche alle dinamiche di una giornata tipica della nostra vita. Per effetto della circolarità del tempo, ogni giorno tende a ripetersi uguale all’altro,in una routine che da un lato ci offre sicurezza e dall’altro limita le nostre reali possibilità di espansione. Come diceva Schopenhauer:
“Gli uomini somigliano a orologi, che vengono caricati e camminano senza sapere il perché; e ogni volta che un uomo viene generato e partorito, è l’orologio della vita umana di nuovo caricato, per ancora una volta ripetere, frase per frase, battuta per battuta, con variazioni insignificanti, la stessa musica già infinite volte suonata. Gli archetipi e numeri dominanti che determinano il nostro carattere sono al contempo modelli e stereotipi che tendono a riprodurre risposte meccaniche a determinati stimoli. Per spezzare il sigillo dell’Uroboro, il serpente che si morde la coda, occorre entrare nelle dinamiche del tempo a spirale:
A differenza del tempo circolare, che si ripete uguale a se stesso come un loop senza fine, il tempo a spirale è un salto quantico di consapevolezza che, grazie al potere dell’attenzione, ci permette di compiere delle scelte. Posizionandoci su un livello superiore di consapevolezza, siamo in grado di riappropriarci del concetto del libero arbitrio.

IL NOSTRO TIMER INTERIORE
Ogni singolo istante del nostro tempo è un punto di scelta, una sezione dello spazio-tempo che, come una breccia nel muro della consuetudine, si affaccia sulle infinite potenzialità dell’Essere. Ciascun momento della nostra giornata è un punto zero, una potenzialità quantistica che oscilla nell’eterno presente. Sono le nostre scelte, che creando un collasso d’onda materializzano un evento piuttosto che un altro, sottraendolo al campo di tutte le possibilità in cui esisteva come una latenza. Conoscere l’energia del giorno personale ci aiuta a disidentificarci con gli stereotipi della nostra giornata e ad armonizzarci con il tempo del nostro orologio interiore. Il nostro timer invisibile non è sincronizzato con il chrònos, il tempo dell’orologio, bensì risuona con il kairós, il tempo dell’anima. Nel momento in cui entriamo in risonanza con il nostro tempo interno, ci apriamo al regno della sincronicità, nel quale possiamo attrarre gli eventi che danno forma ai nostri desideri.

CIASCUN GIORNO POSSIEDE UNA QUALITA’
Così come ogni ciclo, mese e anno possiedono una loro qualità, anche ogni giorno ha una sua nota peculiare. Il carattere di un determinato giorno è in sintonia con uno specifico numero-archetipo che lo presiede. Nelle pagine seguenti vedremo come calcolare e interpretare i numeri di ciascun giorno, in modo da compiere scelte in armonia con la qualità dell’archetipo corrispondente. Nell’interpretazione del giorno dovremo considerare una visione sistemica che tenga conto anche dell’influenza dell’anno personale, e del mese personale.

ORARI DI INFLUENZA DEL GIORNO PERSONALE
Linfluenza del giorno personale inizia verso la mezzanotte del giorno prima e attiva circa fino alla mezzanotte del giorno corrente. Per facilitare la comprensione di questo concetto possiamo suddividere il giorno di 24 ore in quattro segmenti di sei ore ciascuno (00-6-12-18-00).

Dallo schema, vediamo che il punto culmine della giornata è verso mezzogiorno, mentre i punti più attivi vanno dalle 6 della mattina alle 18. Gradualmente, poi l’influenza del giorno decresce e dopo le 21 si comincia ad avvertire la frequenza che governa il giorno successivo. Questa, dopo mezzanotte, aumenta progressivamente fino alle 3 di mattina, raggiungendo il punto attivo alle 6 e così via.

Aiutaci a sostenere l'universita' della Natura

CONTATTACI, SCEGLI LE ATTIVITA' CHE VUOI SVOLGERE E RICEVI UN COLLOQUIO GRATUITO

1
2
3
4
5
6
7
8
I tuoi dati sono trattati nella privacy
inserisci la tua data di nascita I tuoi dati sono trattati nella privacy
Ti invieremo promozioni al tuo indirizzo I tuoi dati sono trattati nella privacy
I tuoi dati sono trattati nella privacy
I tuoi dati sono trattati nella privacy

Menu